Conferenza del Card. Óscar Rodríguez Maradiaga

Locandina-18-giugno-resised



Card. Óscar Rodríguez Maradiaga
Entrato nella Congregazione Salesiana nel 1961, ha ricevuto l’ordine sacro il 28 giugno 1970. È laureato in filosofia, in teologia e in teologia morale (ottenuti al Pontificio Ateneo Salesiano di Roma), ha il diploma in psicologia clinica e in psicoterapia (ottenuti a Innsbruck, in Austria) e ha condotto gli studi di pianoforte, armonia e composizione e sassofono.
Dal 1963 al 1975 è stato insegnante elementare, poi professore di chimica, di fisica, di musica sacra ed infine di teologia morale ed ecclesiologia.
Nominato vescovo titolare di Pudenziana e ausiliare di Tegucigalpa il 28 ottobre 1978, ha ricevuto l’ordinazione episcopale a Tegucigalpa l’8 dicembre 1978. L’8 gennaio 1993 è nominato arcivescovo di Tegucigalpa.
È famoso per le sue battaglie contro la droga e la corruzione, che lo hanno costretto a girare con la scorta. Nella chiesa latino-americana gli è stata riconosciuta la dote di saper unire modernità e tradizione.
Nei giorni successivi all’attacco all’Iraq, alla fine di marzo del 2003, ha dichiarato che le vere armi distruttive di massa che stanno minando l’umanità sono la povertà e l’ingiustizia, che bisogna ripensare il diritto internazionale e i Paesi più piccoli, per esempio dell’America Latina non possono negoziare come i vassalli di un impero.

È stato elevato al rango di cardinale da papa Giovanni Paolo II nel concistoro del 21 febbraio 2001, del titolo di Santa Maria della Speranza, divenendo il primo cardinale della storia dell’Honduras.
È membro della Congregazione per il Clero, del Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace, del Pontificio Consiglio delle Comunicazioni Sociali, della Pontificia Commissione per l’America Latina e del Consiglio Speciale per l’America della Segreteria Generale del Sinodo dei Vescovi.
Il 13 aprile 2013 papa Francesco lo ha nominato membro con funzione di coordinatore del Consiglio dei cardinali, il gruppo chiamato a consigliarlo nel governo della Chiesa universale e a studiare un progetto di revisione della Curia romana.

(Wikipedia)