Una speranza per i bambini di Aleppo

Testimonianze, immagini e storie dalla Siria.
Martedì 27 febbraio, ore 17, Cinema Stensen, viale Don Minzoni 25/c, Firenze

Martedì 27 febbraio, alle ore 17, al Cinema Stensen, viale Don Minzoni 2/c, a Firenze, si terrà un incontro dedicato al progetto della Fondazione Il Cuore si scioglie in collaborazione con la Fondazione Giovanni paolo II e Arci, per ridare un futuro ed una speranza ai bambini e alle bambine di Aleppo, in Siria.
Con testimonianze, immagini e storie dalla Siria. Durante l’evento verrà proiettato il filmato “Sons”, girato da Benedetto Ferrara e Antonio Chiavacci, tra le macerie di Aleppo.

Interverranno

  • Mons.Georges Abou khazen, vicario apostolico  dei Latini ad Aleppo
  • Padre Firas Lufti, Frate francescano direttore del Collegio di Terra Santa di Aleppo
  • Benedetto Ferrara, giornalista
  • Irene Mangani, Fondazione Il Cuore si scioglie onlus
  • Renato Burigana, Fondazione Giovanni Paolo II
  • Carla Cocilova, Arci

Conduce Claudio Vanni

Giornata della Fondazione 2017

Giornata-della-Fondazione-2017

Pieve di Romena (Arezzo), 16 dicembre 2017
Quest’anno all’appuntamento hanno risposto il Presidente del Parlamento Europeo On. Antonio Tajani, il Presidente della Conferenza Episcopale Italiana S. Em. Card. Gualtiero Bassetti , l’On. Pierluigi Castagnetti: presenze qualificate e prestigiose che conferiscono alla giornata una valenza ed un’importanza anche formativa del tutto particolare.

La bottega dell’orefice

Parrocchia Santa Maria Mater EcclesiaeParrocchia Santa Maria Mater Ecclesiae (Roma) cropped-LOGO-SCONTORNATO.png

Teatro del Torrino, Roma – venerdì 10 novembre 2017
La bottega dell’orefice (di Karol Wojtyla)

Il matrimonio come via alla santità, al pari della vocazione alla verginità, è l’assunto centrale della Bottega dell’orefice, il magnifico testo teatrale di Papa Giovanni Paolo II, scritto nel 1960, quando Karol Wojtyla era ancora Vescovo di Cracovia. Tre dialoghi tra altrettante coppie si succedono secondo il ritmo paziente della coscienza che riflette sul passato e sulle scelte decisive per l’esistenza. Un personaggio accomuna le tre storie, quell’orefice che non prende mai direttamente la parola. La verità delle sue parole è rievocata nei dialoghi delle coppie.

Continua a leggere

Ricerca candidato per impiego presso l’Ufficio programmi

cropped-LOGO-SCONTORNATO.png

La Fondazione Giovanni Paolo II onlus ricerca un una figura professionale con il quale avviare una collaborazione della durata di 12 mesi, rinnovabili, con contratto da dipendente a tempo determinato. Per la seguente posizione si prevede un lavoro in team con il personale dell’ufficio programmi.
Il lavoro prevede: attività di scrittura progetti per donatori vari; supporto ai coordinatori di progetto espatriati; rapporto con i donatori relativamente alla parte tecnica del progetto; missioni di monitoraggio; partecipazione a info-day ed eventi di presentazione bandi.
Si prevede una flessibilità nel luogo di impiego, offrendo la possibilità del telelavoro per alcuni giorni alla settimana. Il candidato deve possedere i seguenti requisiti:
• Laurea in discipline socio-economiche
• Esperienza nel settore della cooperazione internazionale di almeno 5 anni
• Esperienza consolidata nella scrittura progetti per donatori AICS, Commissione Europea etc.
• Conoscenza avanzata della lingua inglese
• Disponibilità a fare 1-2 missioni di monitoraggio per anno di breve periodo (6/7 giorni)

info.
Per maggiori informazioni e contatti

Veritas in caritate n.9 (2017)

Centro studi per l'ecumenismo
Una memoria riconciliata per il presente
Nei giorni 7-8 ottobre, a Cadine, al Centro Mariapoli, cattolici e luterani si sono incontrati per interrogarsi su Cosa ci ha lasciato Martin Lutero? Per una conclusione aperta del quinto centenario della Riforma per una riflessione su come procedere per favorire una riconciliazione delle memorie che possa aiutare i cristiani a approfondire ulteriormente il cammino ecumenico in Italia, alla luce delle tante iniziative che hanno segnato questo anno di commemorazione comune del 500° anniversario dell’inizio della Riforma, che è stato aperto dalla preghiera ecumenica di Lund, il 31 ottobre 2016; proprio per questo, nel convegno, era stato pensato uno spazio per un confronto tra le esperienze locali per formulare delle proposte con le quali testimoniare cosa cattolici e luterani possono fare insieme per vivere l’unità della Chiesa nella società contemporanea a partire dai cinque «imperativi» indicati nel documento Dal conflitto alla comunione della Commissione per il dialogo cattolico-luterano, redatto nel 2013, proprio in vista del 2017.

CONTINUA A LEGGERE…